Congelata ogni attività di spionaggio informatico

Durante gli ultimi mesi non si è fatto altro che parlare dell’Hacking Team e delle motivazioni etiche e professionali che hanno spinto la società, specializzata nello spionaggio informatico, a vendere vere e proprie armi informatiche a terroristi o servizi segreti governativi.

Per molto tempo le indagini sono restate aperte per cercare di trarre dagli archivi di WikiLeaks quante piu informazioni possibili per poter valutare tutto l’accaduto con cognizione di causa e soprattutto poter decidere di conseguenza. Dopo molto tempo, la polizia postale ha deciso di bloccare e congelare qualsiasi sorta di attività impiegata nello spionaggio informatico e che prevedeva l’utilizzo di uno o piu programmi sviluppati dallo stesso Hacking Team, precedentemente citato.

Ovviamente, la polizia ha fatto presente che ora vi sarà nuovamente la necessità di trovare tool sostitutivi e che permettano ai servizi governativi di indagare online.

A quanto pare questa necessità nasce dal fatto che anche le organizzazioni governative utilizzavano Galileo per poter venire a conoscenza dei dati appartenenti agli utenti sospetti online. Ovviamente ora che non sarà piu possibile utilizzare Galileo bisognerà correre ai ripari e trovare un valido sostituto che permetterà di mantenere la sicurezza online ed impedire l’anarchia in questo periodo burrascoso per la sicurezza informatica.

Congelata ogni attività di spionaggio informatico
Ti piace FratelloGeek.com?