controllo antifurto da remoto

Come controllare gli antifurti da remoto

Negli ultimi anni ha trovato una vasta diffusione la domotica, cioè l’applicazione delle più moderne tecnologie alla gestione dell’abitazione. Per dirla più facilmente si tratta di una casa “intelligente”, dotata di impianti di illuminazione, di riscaldamento, di allarmi di sicurezza, ecc. totalmente automatizzati e gestiti da una centralina. Considerando la percentuale in crescita di furti e di effrazioni nelle case, sempre più persone si stanno affidando ad un sistema domotico per la protezione della casa, che può essere monitorata continuamente anche da remoto tramite dispositivi mobile, come tablet o smartphone sfruttando il wi-fi. Ecco nello specifico come controllare gli antifurti da remoto.

Come controllare gli antifurti da remoto per tutelare i propri cari ed i propri beni

gestire antifurto da remotoPartendo dal presupposto che esistono diversi sistemi di allarme, che possono essere scelti ed adattati in base alle diverse esigenze e necessità, scopriamo come controllare gli antifurti da remoto. Nel caso in cui il sistema rileva un tentativo di intrusione nell’abitazione o un movimento sospetto, l’allarme si attiva immediatamente tramite un combinatore telefonico in PSTN (utilizzando la linea telefonica fissa) o tramite GSM su rete mobile. Potrai scegliere i numeri dove ricevere il segnale di allarme, che può essere vocale oppure inviato tramite sms. In alternativa per una maggiore sicurezza potrai anche decidere di attivare entrambi gli allarmi.

Il combinatore non si attiva solo quando ci sono tentativi di furto o di effrazione, ma rileva anche guasti, mancanza di rete elettrica, malfunzionamenti, corti circuiti, ecc. Oltre al tuo smartphone o tablet, potrai impostare l’allarme in modo da inviare segnalazioni anche alla vigilanza, che solitamente viene avvisata tramite periferiche radio mono o bidirezionali che inviano segnali radio digitali. In alcune circostanze la vigilanza può anche ricevere segnalazioni da periferiche che trasmettono in ADSL in combinazione alla parte radio. Queste sono le funzionalità e le caratteristiche degli allarmi domotici da tenere a mente per sapere come controllare gli antifurti da remoto.

Cosa fare dopo aver ricevuto l’allarme: la gestione dell’impianto di sicurezza tramite app

Ora sai come controllare gli antifurti da remoto, ma adesso bisogna capire cosa fare dopo aver ricevuto il segnale l’allarme. Utilizzando un’apposita app puoi collegarti all’impianto di sicurezza per capire cosa è successo, se c’è un tentativo di furto in atto o se si tratta di un semplice malfunzionamento. Da remoto si può tranquillamente inserire oppure disinserire l’allarme solo per determinate zone oppure per tutta l’abitazione. Questi sono i principi base per sapere come controllare gli antifurti da remoto, hai mai pensato di utilizzare dei sistemi di sicurezza domotici per la tua casa o per la tua attività?

Come controllare gli antifurti da remoto
Ti piace FratelloGeek.com?




Lascia un commento