La Cina rimuove i video porno dai social media

Il miglior dipartimento anti-pornografico della Cina annuncia la sua ultima missione: una campagna per rimuovere la pornografia amatoriale dai social media cinesi.

Dopo una lunga intolleranza di oscenità online, le autorità di Pechino stanno cercando di mantenere pulito il cyberspazio Cinese proprio perchè è diventato più semplice per le persone utilizzare il proprio smartphone per fare video porno ed usare i social media come spazio di archiviazione.

A Luglio è stato registrato un video porno all’interno di un camerino del negozio di vestiti Uniqlo e subito è diventato virale sui Social Media cinesi. La polizia ha arrestato quattro persone sospettate di aver registrato il video.

Mercoledì scene di sesso sono state mandate in onda su un mega-schermo di un centro-commerciale in una città ad Est di Lishui, e parte del video è stato caricato su internet, spronando la polizia ad investigare chi ha compiuto il misfatto, stando a quanto dicono i media.

Ancora Mercoledì, un video amatoriale raffigurante atti sessuali nella città a sud-est di Chengdu è diventato virale su Weibo, e la polizia ha arrestato una persona sospettata di aver inserito il video in rete – così dicono le autorità locali.

Dopo questi tre incidenti,il Dipartimento Contro la Pornografia e le Pubblicazioni Illegali ha detto che le autorità Cinesi su tutti i livelli prenderanno provvedimenti qualora ricomparissero casi del genere, punendo in modo risoluto chi commetterà questi crimini.

La Cina rimuove i video porno dai social media
2 (40%) 1 vote