Lavoro minorile nelle fabbriche cinesi Samsung

FratelloGeek ti parla di un problema riguardante il lavoro minorile nelle fabbriche cinesi legate a Samsung! Scopri ulteriori dettagli nel resto dell’articolo.

China Labor Watch (CLW), un’organizzazione senza scopo di lucro che svolge delle ricerche circa le condizioni di lavoro in Cina, ha mosso accuse pesanti nei confronti della Samsung, la celebre azienda tecnologica che conosci molto bene.

Nel dettaglio, la fabbrica legata alla Samsung che è stata accusata si chiama HEG: negli stabilimenti di Guangdong avrebbe messo a lavorare dei ragazzini di 14 anni, facendogli svolgere degli incarichi pericolosi.

Complici sono anche professori delle scuole locali, che guadagnerebbero sopra le assunzioni facili dei minorenni.

Tutto è da verificare: mancano infatti le verifiche necessarie.

[ad]

Eppure, l’azienda coreana non sembra avere delle colpe dirette.

La responsabilità cade su Intertek, una società che procura a Samsung servizi esterni di monitoraggio delle condizioni del lavoro nelle fabbriche interessate; tale azienda accetta però tangenti per compilare report falsificati e negare i problemi esistenti.

L’azienda coreana, comunque, non rimane in silenzio: ha infatti dichiarato di non avere mai trovato delle irregolarità nella fabbrica HEG Electronics.

In ogni caso, rendendosi conto della situazione, accetta le critiche della China Labor Watch ed ha disposto una nuova indagine su HEG.

Non si affiderà però ad un’azienda esterna, bensì darà addito di agire ad un personale specializzato interno a Samsung stessa.

Che impressioni hai circa il lavoro minorile?

Lavoro minorile nelle fabbriche cinesi Samsung
Ti piace FratelloGeek.com?




Lascia un commento