OEM Activation 3.0: Problemi per l’attivazione di Windows 8

FratelloGeek porta alla tua attenzione OEM Activation 3.0, la nuova attivazione di Windows 8. Scopri qual è il problema inerente ad essa leggendo il resto dell’articolo!

La nuova attivazione di Windows 8 è problematica: sta creando infatti attriti tra ODM e OEM per decidere chi deve pagare i costi aggiuntivi che derivano dal creare sistemi compatibili con il nuovo sistema di verifica di Windows 8.

Per farti capire bene il concetto, FratelloGeek parte da zero.

Qualsiasi dispositivo che acquisti è progettato da un’azienda (Apple, IBM, HP e così via), le quali sono note come OEM (Original Equipment Manufacturer).

Esse non solo costruiscono il computer, ma si impegnano anche nell’installare il Sistema Operativo ed il relativo ed eventuale software aggiuntivo.

[ad]

Gli OEM che non costruiscono direttamente i computer affidano l’attività ad appaltatori, che prendono il nome di ODM (Original Design Manufacturer): questi si trovano per la maggioranza in Asia (alcuni nomi sono Foxconn, Winstron o Compal).

Qui entra in gioco il problema: in effetti la chiave di attivazione di Windows 8 è una questione di cui nessuno vuole occuparsi.

Essa, ideata dalla Microsoft per gli OEM, serve ad installare copie di Windows vincolate a una specifica macchina in modo che la licenza non si possa utilizzare per un altro computer.

L’attivazione di Windows 8 OA 3.0 è vincolata al BIOS: questo tipo di installazione, cioè quando una parte del Sistema va a finire nel BIOS, si chiama System Locked Pre Installation.

Complicazione: è impossibile reinstallarlo senza usare i sistemi di recupero forniti dal produttore stesso.

Se tu quindi vorrai installare Windows 8 a partire da zero, ti troverai in serie difficoltà!

L’installazione di Windows di base sarà quindi più costosa per gli ODM rispetto alla classica installazione su hard disk, e questo potrà pesare sul prezzo finale del computer!

Come per la privatizzazione dell’acqua, ci si trova in seri problemi: Microsoft, dopo più di trent’anni, ha scelto la strada della chiusura per il proprio software.

Che ne pensi di tutto ciò?

Fà conoscere la tua opinione a FratelloGeek nel riquadro in basso!

Ti piace FratelloGeek.com?




Lascia un commento