VPN non sicure, meglio usare TOR

Molti utenti hanno necessità di utilizzare VPN per proteggere la propria connessione da intrusione da parte di terze parti oppure, in altri casi, per svolgere azioni illegali che non andrebbero svolte. Le motivazioni sono tante e variano, ma l’obbiettivo dell’usare un VPN è unico: Proteggere la propria connessione reale andando a camuffare la propria locazione geografica ed utilizzando Gateway, DNS e indirizzo IP totalmente differenti da quello originale.

Molte persone pensano che i servizi VPN sono perfetti e che permettano in modo ottimale di mantenere l’anonimato online e di non correre rischi di intrusione alcuna. Purtroppo, a seguito di uno studio effettuato dall’università La Sapienza, si è potuto verificare che non è sempre cosi. Sono stati messi alla prova 14 VPN differenti e tra questo solo 1 ha garantito una protezione quasi-totale da intrusioni: gli altri sono risultati facilmente soggetti ad attacchi; questi attacchi risultano essere mirati a trafugare informazioni attraverso l’utilizzo celato dell’attacco MITM, ovvero Man in the Middle. Dunque utilizzare i VPN non garantisce una schermatura totale da malintenzionati, anzi risulta essere anche particolarmente debole (tranne poche eccezioni). All’interno della relazione, stilata dai ricercatori dell’università, si consiglia vivamente di preferire l’utilizzo di TOR invece che un VPN.

tor-deanonymizing-traffic-hidden-service-traffic-hsdir-relay

 

Nel tempo è stata infatti verificata piu volte la difficoltà di intrusione all’interno di TOR, ciò lo rende un ottima protezione ottimale per qualsiasi tipo di attività: ma ovviamente non offre una protezione al 100%, per avere una protezione totale da qualsiasi sorta di attacco bisogna sempre seguire delle specifiche norme di comportamento e mantenere un basso profilo.

VPN non sicure, meglio usare TOR
Ti piace FratelloGeek.com?