aggiornamento lollipop

Aggiornamento Android Lollipop in vista per Nexus e Xperia Z

Google inizia a rilasciare notizie sui dispositivi per i quali verrà rilasciato l’aggiornamento Android Lollipop: il nuovo sistema operativo arriverà anche per lo smartphone Nexus 4 e questa, considerando che parliamo di un dispositivo che ha poco più di due anni sulle spalle, è un’ottima notizia ed è anche un’ottima occasione per testare il comportamento del nuovo major update anche su device non esattamente nuovissimi.

Non ci sono ancora comunicazioni ufficiali da parte di Google sulle date del rilascio, ma in reta iniziano a circolare alcune indiscrezioni sulla distribuzione dell’aggiornamento in modalità OTA (over the air) che interesserà la versione WiFi del tablet Nexus 7 (2012 e 2013) e il Nexus 10 tra pochi giorni, probabilmente il 3 Novembre.

In seguito, entro la fine di Novembre, dovrebbero essere rilasciati gli aggiornamenti anche per le altre versioni del Nexus 7, per il Nexus 5 e, come detto, per il Nexus 4. Ovviamente i nuovissimi Nexus 9 (già disponibile per il preordine anche dal Play Store italiano) e Nexus 6 esordiranno sul mercato con il nuovo Android 5 già preinstallato.

Quando il nuovo sistema operativo venne annunciato all’evento I/O 2014, Google ne rilascio una copia a disposizione degli sviluppatori, dando loro la possibilità di testarlo in anticipo in modo da ridurre al minimo i tempi per il rilascio dell’aggiornamento destinato a tablet e smartphone; è in questo modo che Sony ha già comunicato che con il nuovo anno inizieranno i release dell’aggiornamento Android Lollipop per tutti i dispositivi della linea Z.

L’operazione di aggiornamento Android Lollipop dei prodotti Sony comincerà ad inizio 2015 e inizialmente riguarderà i modelli più recenti, ovvero lo Z2 e lo Z3 e poi andrà avanti con gli altri modelli (con i dispositivi Google Play Edition che avranno la priorità). Lo comunica la stessa Sony sul suo blog aziendale, sottolineando con orgoglio la velocità con cui verranno rilasciati gli aggiornamenti e promettendo di fornire presto informazioni più dettagliate.

Fonte