celebrità twitter

Alex, celebrità su Twitter in poche ore

Da semplice cassiere di un supermercato a celebrità su Twitter: è questo quello che è successo ad Alex Lee, sedicenne del Texas, ora noto sul web come #AlexFromTarget. Il ragazzo, cassiere presso un negozio della catena di supermercati Target, ha visto il suo account di Twitter diventare in poche ore uno dei più seguiti, apparentemente senza motivo.

Tutto pare che sia iniziato domenica, quando un’utente ha pubblicato la foto (rubata) di Alex mentre era al lavoro, aggiungendo come didascalia un esclamativo Yoooooo. Può essere bastato questo per trasformare Alex in una celebrità su Twitter? Pare di sì, dato che negli ultimi due giorni i giornali e le televisioni d’America lo hanno celebrato come una star.

Il ragazzo (il cui ormai celeberrimo account Twitter è @acl163) ha spiegato ad una trasmissione condotta da Ellen DeGeneres di essere rimasto molto sorpreso quando una sua collega gli ha mostrato la sua foto che faceva il giro del mondo dicendogli “sei famoso!”, ha pensato che stesse scherzando e che fosse tutto falso.

Martedì la Breakr, una società americana attiva nel campo del marketing digitale, si è dichiarata artefice della viralità del fenomeno-#AlexFromTarget: sarebbe stato tutto un esperimento per dimostrare come servirsi sui social network degli adolescenti per creare dal nulla una star, trasformando un semplice ragazzo in una celebrità su Twitter.

Quindi sarebbe tutto un falso creato ad hoc da un’azienda di marketing? Alex dice di non saperne nulla, esattamente come fanno i responsabili della catena Target, che affermano di non aver mai sentito nominare la Breakr. Reale o artificioso che sia, il fenomeno è stato trattato anche da media importanti come il Time, la Cnn, Il Washington Post, il Guardian e tanti altri.

Magari quelli che hanno ormai superato da un po’ il periodo dell’adolscenza non capiscono come una cosa del genere possa essere accaduta e altri si chiedono chi può guadagnarci da un avvenimento di questo tipo, ma una cosa è indiscutibile: la potenza dei social network e di internet a cui adesso Alex, famoso a prescindere (forse) dalle sue volontà, appartiene.

Fonte