BlackBerry Classic

BlackBerry Classic disponibile in pre-order a 429 Euro

Debutterà ufficialmente sul mercato internazionale il prossimo 17 dicembre il nuovo BlackBerry Classic, l’interessante smartphone sviluppato dall’azienda canadese per attrarre i tantissimi nostalgici degli oramai storici dispositivi del brand BlackBerry con tastiera fisica QWERTY.

Il nuovo BlackBerry Classic è disponibile in pre-order sullo store ufficiale dell’azienda con un prezzo pari a 429 Euro, tasse incluse. Il device è disponibile in due colorazioni, una bianca ed una nera. Il nuovo BlackBerry Classic è frutto delle numerose richieste pervenute da tantissimi utenti di tutto il mondo che desiderano da tempo uno smartphone in pieno stile BlackBerry.

Dal punto di vista tecnico, il nuovo BlackBerry Classic presenta un display da 3.46 pollici di diagonale caratterizzato da una risoluzione pari a 720 x 720 pixel e da una densità di pixel pari a 294 PPI. Il device monta un SoC Qualcomm Snapdragon MSM8960 con CPU Dual Core con clock di 1.5 GHz. A completare la dotazione tecnica del nuovo smartphone firmato BlackBerry troviamo ben 2 GB di memoria RAM, una capacità interna di storage pari a 16 GB, espandibili tramite microSD, ed il supporto alle reti LTE.

Il nuovo BlackBerry Classic presenta una batteria da 2515 mAh, una fotocamera posteriore da 8 Megapixel, che registra video in FullHD a 30 fps, ed una fotocamera anteriore con sensore da 2 Megapixel. Il device si caratterizza, inoltre, per la presenza di connettività Miracast, NFC, DLNA e microUSB 2.0.

Il nuovo BlackBerry Classic si caratterizza come uno smartphone pensato appositamente per gli appassionati dei prodotti BlackBerry e per tutti gli utenti che, pur non volendo rinunciare alle funzionalità offerte da uno smartphone, desiderano un prodotto dotato di tastiera fisica QWERTY e trackpad ottico.

Il nuovo smartphone di BlackBerry risulta quindi essere un prodotto sicuramente interessante anche se, almeno per il momento, il prezzo di listino un po’ troppo alto potrebbe penalizzare la diffusione del device in Europa e in Nord America.

Fonte