Google Assistant: Come funziona e cosa cambia da Siri

FratelloGeek ti parla dell’ultima novità in campo della tecnologia di riconoscimento vocale. Google prepara Assistant, la versione open source di Siri.

Android cerda di sfidare Apple in uno degli elementi che finora è stato il vanto di iPhone 4S: La tecnologia di comprensione vocale, sintetizzata nell’assistente virtuale di Siri, avrà un valido rappresentante in Google Assistant.

Il progetto ha come obiettivo permettere agli smartphone Android di comprendere i comandi vocali degli utenti.

Le preferenze raccolte su Google+ saranno molto utili per catalogare ricerche e risultati.

Peculiarità di Google Assistant è che il suo codice sarà rilasciato gratuitamente.

[ad]

Questo permetterà a molti più appassionati di prendere parte al progetto, garantendo da una parte un’evoluzione molto più orientata ai reali desideri degli utenti, e dall’altra, una maggiore integrabillità con le applicazioni di terzi.

Inoltre, sarà sviluppato un SDK, ovvero un Software Development Kit, per tutti gli sviluppatori.

Grazie a tutto questo, sarà possibile trovarlo su un gran numero di terminali, permettendo la diffusione di questa tecnologia.

Quando dovrai aspettare?

Si parla di tempi entro la fine dell’anno.

Google Assistant potrebbe essere il pezzo forte del Google I/O 2012, che è in programma a San Francisco a fine giugno.

Sebbene Google avesse all’inizio criticato l’idea di un assistente virtuale, sembra che abbia cambiato idea per seguire i desideri del mercato.

Apple intanto non aspetta con le mani in mano!

Siri è già presente sul nuovo iPad e sull’iTV.

Purtroppo, per il supporto all’italiano dovremo aspettare forse il lancio di iPhone 5.

Che ne pensi del nuovo progetto di Google?

Google Assistant: Come funziona e cosa cambia da Siri
Ti piace FratelloGeek.com?