Google ebola

Google: lancia la raccolta fondi per combattere l’Ebola

G0ogle dimostra in continuazione il suo impegno sociale attivando campagne di raccolta fondi e attività particolarmente sociali, inoltre l’azienda mette a disposizione di tutti servizi medici e molto altro in modo del tutto gratuito o a prezzi incredibilmente vantaggiosi e accessibile a tutti.

Dopo che Facebook ha lanciato la raccolta fondi per l’Ebola all’interno della sua rete sociale, era questione di ore, o in questo caso di giorni, affinché Google provvedesse a fare altrettanto, così ecco che da Mountain View arriva un sito per la raccolta di fondi per poter curare l’ebola. Ogni dollaro che verrà donato, Google ne darà due alla ricerca, che saranno a disposizione di organizzazioni e enti addetti alla sviluppo della cura. Big g, inoltre, ha deciso di donare ben 10 milioni di dollari per la ricerca.

L’iniziativa è stata annunciata da Larry Page, attuale CEO dell’azienda, l’annuncio arriva tramite il blog ufficiale della società di Mountain View. Il co-fondatore di Google ha fatto sapere che lui, insieme alla fondazione della sua famiglia, donerà altri 15 milioni di dollari per la causa, per un totale dunque di 25 milioni di dollari.

Il sito web creato da Google ha dunque come scopo raccogliere fondi da distribuire alle organizzazioni no profit, la pagina web sarà attiva fin quando non saranno raccolti 7,5 milioni di dollari, a cui vanno a sommarsi altri 7,5 milioni che saranno donati da Big G. Le organizzazioni a cui saranno devoluti i fondi sono “Medici senza frontiere”, l’IRC ( Comitato internazionale per il soccorso), Partners in Healts e Save The Children.

Google ha pubblicato l’iniziativa solo pochi giorni dopo quella di Facebook, ricordiamo che la rete sociale ha attivato una scheda nel News Feed dove è possibile effettuare la propria donazione. Mark Zuckerberg, creatore del social network, ha donato 25 milioni di dollari, proprio come Big G.

Vi lasciamo al sito web ufficiale dove poter effettuare la donazione: Google Flight Ebola.