Google Mobile

Google, i siti mobile nei risultati di ricerca con etichetta

Google sta effettuando dei grandi cambiamenti, ma non solo per quanto riguarda lo sviluppo delle nuove tecnologie o per il nuovo Android Lollipop, ma anche per quanto riguarda il motore di ricerca che è in continua evoluzione. Proprio questo è oggetto delle ultime notizie, infatti nelle SERP di Big G iniziano ad essere segnalati tutti i siti che sono consultabili attraverso il proprio telefono in modo semplice.

I siti mobile friendly piacciono a Google, e questo non è un mistero, ma la comparsa dell’etichetta nei risultati di ricerca è un segnale che ormai non è più un’opzione avere un sito internet disponibile per smartphone e tablet, ma un obbligo. Per favorire lo sviluppo di siti facilmente navigabili anche in mobilità, Google ha messo a disposizione diversi strumenti, tra cui uno che consente di verificare le compatibilità della propria pagina web.

All’interno del motore di ricerca, effettuando qualsiasi tipo di ricerca, potrete vedere comparire di fianco ai risultati un’icona di un cellulare, questa sta ad indicare che il sito web è disponibile e facilmente navigabile anche da smartphone e tablet. Inoltre, non è ben chiaro, ma nel futuro i siti web che non sono disponibili per il mobile potrebbero non essere mostrati in caso la ricerca sia effettuata da un telefono cellulare.

Questo sottolinea l’importanza di adattare, immediatamente, i siti web al mobile in quanto proprio da smartphone e tablet arriva gran parte del traffico. Per poter effettuare un’analisi di un sito web, ovviamente in modo del tutto gratuito in quanto è lo stesso Google (come già detto in precedenza) che offre gli strumenti, è possibile recarsi a questa pagina ufficiale: Google strumenti verifica mobile.

Una volta inserito il link del proprio sito web, Big G vi fornirà tutte le indicazioni riguardo al vostro sito in modo che possiate modificarlo e adattarlo ai nuovi standard. Per il momento i risultati ed il cambiamento sono visibili attraverso i dispositivi Android.

Fonte