Italia-Programmi.net: La truffa viene sanzionata dall’Autorità Garante

FratelloGeek ti parla della truffa di Italia-Programmi.net, e di come le Procure e l’Autorità si stiano muovendo per risolvere questa terribile situazione.

La truffa ai danni di molti utenti, da parte di Italia-Programmi.net, ha attirato finalmente l’attenzione della Giustizia.

Infatti, l’Antitrust ha comminato una sanzione di 1,5 milioni di euro contro l’azienda Estesa Limited, nome di una società registrata alle Seychelles.

Ecco di seguito il comunicato dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato:

«Le pratiche commerciali ingannevoli e aggressive messe a punto dalla società attraverso il sito www.italia-programmi.net hanno coinvolto a oggi, oltre 25mila consumatori che si sono rivolti all’Autorità anche tramite Contact Center e Web Form».

Sono 25 mila le denunce per questa società, ma sono molti di più gli utenti caduti in questa truffa.

Per questo le autorità hanno intenzione di proseguire le indagini per accertare le responsabilità penali.

[ad]

Un primo passo per la fine di questa situazione è proprio questa sanzione dell’AGCM.

Questo aumenterà l’informazione attorno a questo tipo di truffa ed aumenterà l’attenzione degli utenti a livello internazionale.

Infatti, «la delibera, che ha accertato le condotte illecite di Estesa in violazione del Codice del Consumo, verrà inoltre diffusa nel circuito internazionale delle autorità di tutela dei consumatori trattandosi di una pratica suscettibile di essere “riprodotta” con caratteristiche analoghe in altri Paesi».

Il gruppo non si è mai difeso dalle accuse dell’Authority e non ha mai cominciato nessuna azione legale nei confronti degli utenti minacciati per avere i 96 euro dell’abbonamento e che non hanno ancora pagato.

Quindi il consiglio che ti da FratelloGeek è: non pagare nonostante le minacce!

Per coloro che hanno già pagato, sarà difficile ottenere un rimborso, ma potranno comunque sporgere una denuncia.

Secondo le indagini, la Estesa Limited ha inviato diffide e mincacce anche ad utenti che non avevano mai scaricato nulla dal sito Web.

L’ADUC (Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori) sebbene apprezzi questo provvedimento, afferma che non basterà al momento per risolverlo.

Il sito Web, infatti, continua ad operare la sua truffa impunemente.

Per questo è importante che tutti prestino la massima attenzione e parlarne a più non posso, in modo da impedire che altri non cedano alle minacce.

E tu sei stato colpito da questa truffa?