Motorola Moto G bug

Motorola Moto G, un bug causa la chiusura delle app in background

Il Motorola Moto G 2013 ed il suo successore Motorola Moto G 2014 sono, senza dubbio, tra gli smartphone più diffusi attualmente in commercio grazie anche ad un ottimo rapporto qualità/prezzo ed alla possibilità di poter sfruttare la versione stock di Android.

Nelle ultime ore, direttamente dal forum di supporto di Motorola, è emerso un bug piuttosto diffuso che affliggerebbe entrambe le versioni di Motorola Moto G. Il problema in questione è legato ad un’eccessiva chiusura delle app aperte in background che, troppo spesso, vengono chiuse dal sistema anche nel caso in cui vi sia della memoria RAM effettivamente disponibile.

Sia la versione 2013 che la versione 2014, presentata nel corso dell’IFA di Berlino a settembre e già da tempo disponibile sul mercato, presentano 1 GB di memoria RAM che dovrebbe essere sufficiente a permettere un buon funzionamento agli smartphone.

Stando a quanto emerso in queste ore, però, diversi utenti hanno evidenziato un’eccessiva chiusura delle app in background a prescindere, come detto, dalla memoria disponibile. Il problema sarebbe molto diffuso e, per il momento, non sarebbe disponibile una spiegazione ufficiale.

Motorola starebbe però già lavorando alla risoluzione del problema soprattutto in relazione all’arrivo dell’aggiornamento che porterà il sistema operativo alla nuova versione Android 5.0 Lollipop. Per ora, quindi, non resta che attendere una risposta ufficiale da parte di Motorola sulla situazione.

In ogni caso, il bug che colpisce i Motorola Moto G viene favorito ogni qualvolta si utilizzano applicazioni piuttosto pesanti che richiedono una grande quantità di memoria RAM. Staremo a vedere se, una volta che Android 5.0 Lollipop sarà disponibile per tutti i modelli di Motorola Moto G il bug che causa la chiusura delle app in background sarà risolto una volta e per tutte. Non ci resta, quindi, che attendere le prossime settimane per capire cosa cambierà effettivamente per i Motorola Moto G rispetto al passato.

Fonte