OS X Yosemite

OS X Yosemite, tasso d’adozione record

Il nuovo OS X Yosemite sta mettendo insieme numeri davvero interessanti a poco più di una settimana dal suo rilascio ufficiale. La nuova versione del sistema operativo di Apple, infatti, nella prima settimana di disponibilità per il download gratuito da Mac App Store ha già raggiunto un tasso d’adozione superiore a quello raggiunto, nello stesso periodo di tempo, dalla precedente versione del sistema operativo di Apple, ovvero OS X Mavericks.

Il nuovo OS X Yosemite, stando a quanto riporta la società d’analisi Chitika, che ne sta seguendo con estrema attenzione il rilascio al fine di monitorare il numero di utenti che decidono di effettuare l’upgrade, ha raggiunto in una settimana un tasso d’adozione pari al 12.8% dei Mac disponibili in rete.

Si tratta di una performance leggermente superiore rispetto a quella ottenuta, lo scorso anno, da OS X Mavericks che, al termine della sua prima settimana di rilascio, sempre gratuito, sul mercato raggiunge un tasso d’adozione che oscillava da 12 a 12.4% e, quindi, risulta in ogni caso inferiore rispetto ai dati ottenuti da OS X Yosemite che, già nelle prime ore di disponibilità aveva raggiunto l’1% dei dispositivi di Apple collegati in rete.

Il OS X Yosemite rappresenta l’ennesima evoluzione del sistema operativo di casa Apple che ora abbraccia in modo completo il minimalismo flat che caratterizza anche iOS e rappresenta il perfetto punto di contatto proprio con i device mobili della casa americana come iPhone e iPad grazie anche a nuove applicazioni come Continuity e Handoff.

Ricordiamo che il nuovo OS X Yosemite di Apple, che nel frattempo ha già sicuramente superato quota 13% di tasso d’adozione tra i Mac disponibili, presenta requisiti tutto sommato alla portata di tantissimi dispositivi visto e considerato che necessità almeno di un processore Intel Core 2 Duo affiancato da almeno 2 GB di memoria RAM, specifiche facilmente raggiungibili.

Fonte