Samsung Galaxy Note 4 display

Samsung Galaxy Note 4 è il miglior device mobile per la riproduzione dei colori

Il phablet di Samsung, l’ottimo Samsung Galaxy Note 4, che ha fatto il suo debutto sul mercato italiano lo scorso mese, sembra avere tutte le carte in regola per diventare uno dei device più ambiti nel corso dell’imminente periodo di shopping natalizio.

Il nuovo Samsung Galaxy Note 4 può contare su di un comparto tecnico di primissimo livello in cui spicca il nuovo display Super AMOLED da 5.7 pollici di diagonale caratterizzato da una risoluzione QHD pari a 1440 x 2560 pixel, un vero e proprio gioiello che rappresenta uno dei pezzi pregiati del mercato della telefonia mobile internazionale.

Stando alle ultime analisi effettuate dall’autorevole Display Mate, il Samsung Galaxy Note 4 si caratterizza come il miglior smartphone per quanto riguarda il display e, per precisione, per quanto concerne l’accuratezza nella riproduzione dei colori. Si tratta di un riconoscimento molto importante che va a premiare il lavoro fatto da Samsung nello sviluppo di un device che, al momento, rappresenta senza dubbio il punto di forza di tutta la gamma Galaxy.

Il nuovo Samsung Galaxy Note 4 ha superato, in questa particolare graduatoria stilata da Display Mate che premia appunto la qualità dei display, device di altissimo livello come il Surface Pro 3 di Microsoft, il tablet Galaxy Tab S 10.5, il Kindle Fire HDX 8.9,  l‘iPhone 6 Plus ed il recente iPad Air 2. 

I test effettuati da Display Mate si dividevano in cinque differenti categorie: la riproduzione della gamma completa dei colori, la resa in particolare del colore blu, la resa della tonalità della pelle, i colori organici e il bianco. In tutte queste categorie, il Samsung Galaxy Note 4 si è rivelato essere il vincitore. Un dato che, quindi, testimonia ulteriormente l’ottimo livello di realizzazione del display del device che, senza alcuna ombra di dubbio, può essere considerato come uno dei punti di riferimento per il mercato della telefonia mobile di oggi e dei prossimi mesi.

Fonte