ricerca tweet

Twitter, lanciata la ricerca tweet avanzata su tutti i messaggi dal 2006

Pare che questo sia un periodo abbastanza ricco di novità per i social network più famosi: Twitter ha infatti dichiarato di essere in grado di indicizzare tutti i messaggi che sono passati sulla sua piattaforma dal 2006 fino ad oggi e quindi è in grado di offrire ai suoi utenti una nuova funzione di ricerca tweet avanzata.

Twitter è già dotato di una funzione di ricerca tweet, ma finora gli utenti hanno potuto cercare solo i messaggi più recenti perché l’intenzione era quella di tenere aggiornati gli iscritti sugli eventi attuali più importanti. Con la ricerca tweet avanzata invece sarà possibile scavare nell’immenso archivio di messaggi scritti negli ultimi otto anni (il primo messaggio su Twitter risale al 2006).

Il nuovo motore di ricerca interno della piattaforma di micro-blogging può già essere provato; secondo Twitter si distingue per modularità, scalabilità, interfaccia semplice e sviluppo incrementale. La nuova ricerca tweet avanzata infatti è il frutto di un lungo lavoro iniziato un paio di anni fa, quando vennero indicizzati i primi due miliardi di messaggi, che solo ora ha portato alla costituzione dell’indice completo.

Una diretta conseguenza di questo enorme lavoro è anche la funzione Archivio di Twitter, che dà agli iscritti la possibilità di ottenere un file che riporta l’intera storia del proprio account; dall’archivio si può risalire ad ogni singolo tweet (o retweet) attraverso ricerche basate su date, parole chiavi o frasi specifiche, ma anche sulle menzioni e gli hashtag.

Ma se gli effetti positivi e l’utilità della ricerca tweet avanzata possono essere evidenti, bisogna anche considerare il rovescio della medaglia: rendere eterno quello che può essere stato scritto solo in modo istintivo può risultare pericoloso, magari restituendo la ribalta a tweet spiacevoli pubblicati e cancellati in tutta fretta.

Forse sapendo che i loro pensieri affidati alla piattaforma di microblogging saranno per sempre visibili da chiunque i maniaci del tweet cercheranno di trattenersi. O no?

Fonte