Batteria Apple Watch

Batteria Apple Watch, previsti problemi

L’Apple Watch di certo è tra gli indossabili più desiderati e discussi, ma già prima che si possa trovare nei negozi di tutto il mondo sorgono non pochi dubbi sulle sue prestazioni, in particolare, pare che l’autonomia della sua batteria sarà molto limitata, in particolare se si pensa alla tipologia di dispositivo, che per quanto smart, rimane sempre un orologio.

Ormai siamo abituati a dover ricaricare il nostro cellulare ogni giorno e, se ne facciamo molto uso, magari pe scattare, elaborare foto, o giocare e vedere video, anche più volte al giorno, ma siamo sicuri di essere pronti a mettere in carica anche il nostro orologio da polso, almeno ogni 2 o 3 giorni. Già pare proprio che l’autonomia, in standby, dell’Apple Watch, sarà al massimo, almeno per la prima versione commercializzata, di 3 giorni.

Questo significa che, se lo usate per qualche app, potreste doverlo caricare ogni sera, riponendolo accanto al vostro iPhone. Una bella seccatura.

Non c’è nulla di ufficiale per ora, ma pare proprio che il processore S1, con caratteristiche e prestazioni paragonabili all’A5 dell’ultimo iPod Touch, così come lo schermo Retina dovrebbero essere componenti estremamente energivori. Insomma l’Apple Watch è “troppo” potente per le attuali batterie, problema comune a molti device mobili.

D’altra parte lo stesso Tim Cook aveva candidamente rivelato che l’Apple Watch si sarebbe dovuto caricare quotidianamente, ma forse in pochi c’avevano creduto.

Apple Watch sarà commercializzato in tre diverse edizioni: Sport, Watch ed Edition, con prezzi a partire da 349 dollari, che saliranno, per la versione Edition a più di 1.000 dollari. A voler essere cattivi, potremo dire che a questa spesa, andranno poi sommate le bollette della luce, per tutte le ricariche della batteria.

Batteria Apple Watch, previsti problemi
Ti piace FratelloGeek.com?




Lascia un commento