Cellulare caduto nell’acqua? Ecco una soluzione per recuperarlo!

Il tuo telefonino è cascato a mare? Anzichè sentirti uno stupido, segui tempestivamente la procedura guidata da FratelloGeek! Con un pò di fortuna, il tuo dispositivo sarà salvo!

Ti piace la tecnologia ma hai una “relazione complicata” con i telefonini? Se la tua risposta è affermativa e spesso il tuo cellulare è cascato nell’acqua, troverai sicuramente interessante l’articolo che FratelloGeek ha preparato per te!

Devi però sapere che specialmente l’acqua marina può rivelarsi una vera nemica per il tuo adorato telefonino in quanto essendo piena di sali minerali, può corrodere facilmente il rame e il silicio presenti nel dispositivo in questione.

Al fine di evitare danni irreversibili, devi agire tempestivamente;

Segui questi semplici passi che ti suggerisce FratelloGeek:

[ad]

1. Rimuovi sia la batteria che la SIM;

2. Ricorda di non asciugare per nessuna ragione il dispositivo con l’asciugacapelli in quanto l’acqua evapora e i sali minerali e lo ossidano con maggiore rapidità;

3. Asciuga ogni singolo componente con della comunissima carta assorbente;

4. Procurati delle bustine di silice che riescono ad assorbe l’umidità e in un contenitore (possibilmente con chiusura ermetica) inserisci il tuo telefonino con i relativi componenti.

5. Pazienta per 24 o anche 48 ore.

Solo dopo che hai seguito con esattezza i passaggi suggeriti, prova ad inserire la scheda SIM e la batteria al tuo dispositivo elettronico.

Con un pò di fortuna, il telefonino dovrebbe essere fuori pericolo!

Ma se per sbaglio il tuo cellulare casca nella candeggina come è successo alla ragazza di FratelloGeek, tieni presente che qualsiasi tuo tentativo di riportarlo in vita, si rivelerà fallimentare!

Ti piace FratelloGeek.com?




Lascia un commento