Google Drive: Prime immagini

FratelloGeek ti parla delle prime immagini di Google Drive. Scopri le novità leggendo il resto dell’articolo.

Sono state pubblicate le prime immagini dell’interfaccia di Google Drive, il servizio cloud fornito da Google, e che ben presto sarà disponibile per gli utenti.

Questa non è la prima volta (e non sarà di certo l’ultima) in cui si parla di questo servizio e, poichè le voci e i dettagli sullo stesso continuano ad emergere, il lancio potrebbe avvenire in tempi molto ristretti!

Queste immagini arrivano da un lettore di GeekWire il quale (in un commento rilasciato) ha avuto l’opportunità di poter accedere in anteprima al nuovo servizio Google, tramite un’opzione attivata sul proprio account Google+.

[ad]

Ovviamente, ha colto la palla al balzo, ed ha pure fornito qualche immagine, la quale è stata pubblicata immediatamente in rete.

Le cose che si possono capire da questa immagine sono relativamente poche: possiamo notare un software che consente la sincronizzazione dei dati fra il terminale e lo spazio cloud messo a disposizione.

A tal proposito, non si riesce neanche a stabilire se si tratta di un programma simile a DropBox, oppure sia una semplicissima estensione del browser Chrome.

Le notizie certe riguardano, però, il logo del servizio.

Puoi vedere qui un anteprima dello stesso.

Non sappiamo ancora quando, e come, il servizio cloud di Google sarà disponibile per noi utenti.

Molto probabilmente, Google potrebbe scegliere di usare la stessa formula che ha adottato per il lancio di Google Music.

Infatti, in quella occasione fu proposta, per pubblicizzare e far provare il servizio, la possibilità di caricare fino a 20.000 canzoni gratuitamente.

Le voci sul debutto di Google Drive sono discordanti: c’è chi lo prevede fra due mesi, mentre altri sono più ottimisti e sperano di vederlo fra poche settimane.

Molto più verosimilmente però, bigG presenterà il servizio Cloud in occasione del Google I/O che si terrà dal 27 al 29 Giugno prossimi.

Cosa ne pensi di queste immagini?

Sei curioso di provare il servizio di Google?