Apple app 64bit

Apple, tutte le app saranno ottimizzate a 64 bit da febbraio

Apple si appresta a dare il via alla fase di completamento di un processo iniziato già da diverso tempo e che sarà ultimato entro la fine del mese di febbraio nel prossimo anno. Entro questo termine, infatti, tutte le applicazioni disponibili sui device dell’azienda di Cupertino dotati di sistema operativo iOS dovranno obbligatoriamente essere ottimizzate per il funzionamento a 64 bit che rappresenta senza dubbio il futuro della telefonia mobile.

A partire dal mese di febbraio del prossimo anno, infatti, tutte le app per essere pubblicate sull’App Store dovranno per forza essere dotate del supporto ai 64 bit.

Con l’attuale gamma di device di Apple, il solo smartphone iPhone 5C, che rappresenta a tutti gli effetti la proposta entry level della casa americana, è dotato di un processore a 32 bit, tutti gli altri device, compresi naturalmente gli ultimi iPhone 6 e iPhone 6 Plus, oltre ai nuovi iPad, possono contare su SoC dotati di architettura a 64 bit che rappresenta, quindi, lo standard di riferimento per il futuro di Apple.

Apple ha ufficializzato questo cambiamento con un intervento sul portale dell’azienda riservato agli sviluppatori di applicazioni. Si tratta, in ogni caso, di un passaggio atteso da lungo tempo e che andrà a completare un processo che, come detto, ha avuto inizio già un po’ di tempo fa. APer ora, Apple continua a guidare il processo di rinnovamento del mercato caratterizzandosi come l’azienda che più di altre riesce a innovare il settore presentando soluzioni diverse in grado di condizionare il mercato.

Il SoC A7 a 64 bit presentato lo scorso anno da Apple ha, di fatto, condizionato il mercato obbligando i rivali come Qualcomm ad accelerare sullo sviluppo dei SoC a 64 bit che, nei prossimi mesi, diventeranno a tutti gli effetti il nuovo standard del mercato dei prodotti destinati al mercato della telefonia mobile di tutto il mondo.